venerdì 4 agosto 2017

Soddisfazione per il sì della ministra Madia al profilo professionale dei giornalisti nella P.A.



ACCOLTA DALLA MINISTRA MADIA LA RICHIESTA
 AVANZATA DALLA FNSI PER DEFINIRE 
IL PROFILO DEL GIORNALISTA 
NELL'AMBITO DELLA CONTRATTAZIONE 
DEL PUBBLICO IMPIEGO



Un profilo professionale per gli addetti all’informazione e alla comunicazione della pubblica amministrazione. È l’indicazione contenuta nell’atto di indirizzo che il ministero per la Semplificazione e la Pubblica Amministrazione ha inviato all’Aran per impartire le linee ed i criteri direttivi che dovranno riguardare il rinnovo dei contratti del pubblico impiego nei quattro comparti: Funzioni centrali, Sanità, Scuola e Autonomie locali.

La ministra Marianna Madia ha accolto, così come aveva preannunciato, la richiesta avanzata dalla Fnsi per definire il profilo del giornalista nell’ambito della contrattazione del pubblico impiego. 

Per questa ragione nella giornata di oggi la ministra Madia ha incontrato il segretario generale della Fnsi Raffaele Lorusso, il presidente Giuseppe Giulietti e la vicesegretaria Alessandra Costante, delegata agli uffici stampa pubblici. 
Nel corso dell’incontro sono stati affrontati gli aspetti che dovranno essere discussi al tavolo con l’Aran.

(FNSI 2 agosto 2017)



sabato 1 luglio 2017

A Bologna seminario su "La deontologia, il Testo unico dei doveri del giornalista e la Carta di Roma




Fondazione Ordine Giornalisti Emilia Romagna


La deontologia, il Testo unico 
dei doveri del giornalista
 e la Carta di Roma


 Bologna  5 luglio 2017  Corsi FPC   Crediti: 6 DEONTOLOGICI


ISCRIZIONI APERTE DAL 10 GIUGNO
L’Ordine Giornalisti dell’Emilia-Romagna e La Fondazione dell’Ordine
mercoledì 5 luglio 2017
Presso Cappella Farnese – Palazzo d’Accursio
piazza Maggiore, 6 – BOLOGNA
PROGRAMMA
14,00 – 14,30 Registrazione dei partecipanti
14,30 – 18,30 Saluti e introduzione di Antonio Farnè (presidente Ordine Giornalisti Emilia-Romagna)

Relazioni:
·       La deontologia: perchè?
Claudio Santini (giornalista, esperto di deontologia, direttore formazione Fondazione OdG e presidente del Consiglio di disciplina territoriale Emilia-Romagna)

·       Il Testo unico dei doveri del giornalista
Michele Partipilo (giornalista, componente Osservatorio di deontologia del Consiglio nazionale Ordine dei giornalisti)

·       Attualità della Carta di Roma di fronte all’emergenza migranti
Giovanni Rossi (giornalista, già presidente della FNSI)

POSTI DISPONIBILI: 100
EVENTO GRATUITO


Anche in Umbria un bando per ufficio stampa inaccettabile. Succede a Orvieto





Orvieto, bando per non giornalisti all’ufficio stampa
del Teatro Mancinelli. 
Assostampa Umbra: «Inaccettabile»

«Spiace dover constatare come ancora una volta in Umbria, da parte di alcuni enti locali, in questo ultimo caso il Comune di Orvieto, vi sia una assoluta mancanza di riconoscimento del lavoro giornalistico e delle norme che lo regolano anche nell'ambito della Pubblica Amministrazione». Lo scrive, in una nota, l’Associazione Stampa Umbra in riferimento al Capitolato Speciale d'oneri per l'affidamento in concessione del Teatro Comunale Mancinelli di proprietà dello stesso Comune.

«All'art. 23, punto 5, relativo alle clausole di salvaguardia per l'occupazione – spiega l’Assostampa – si fa riferimento all'ufficio stampa, prevedendo per questa funzione un amministrativo con contratto del commercio. Per il sindacato dei giornalisti umbri è inaccettabile che non si faccia minimamente riferimento all'obbligo di iscrizione all'Albo professionale come prevede una legge dello Stato, la 150 del 2000, per giunta preferendo all'applicazione del contratto di categoria un altro contratto di natura privatistica: quello del comparto del commercio».

Dopo aver elencato gli esempi di «sindaci che si firmano, insieme agli assessori, comunicati che lodano la propria capacità amministrativa» e di «uffici stampa di pubbliche amministrazioni in cui continuano ad operare pensionati» e constatato come «il panorama regionale appaia a dir poco desolante», il sindacato regionale infine auspica «che arrivi al più presto a compimento il percorso di collaborazione tra il gruppo uffici stampa dell'Asu e l'Anci Umbria per regolare in maniera corretta, concreta e condivisa, la materia della informazione nella P.A».

15.06.2017


mercoledì 31 maggio 2017

Seminario FPC al Centergross: 'La corretta informazione multichannel e la ricaduta sul territorio'





La corretta informazione multichannel 
e la ricaduta sul territorio


 Funo di Argelato (BO)  5 giugno 2017  Corsi FPC Crediti: 4


ISCRIZIONI APERTE DAL 1° MAGGIO
L’Ordine Giornalisti dell’Emilia-Romagna e La Fondazione dell’Ordine
in collaborazione con Neos Giornalisti di viaggio associatiCentergrossArga Emilia-Romagna
lunedì 5 giugno 2017
Presso Sala Convegni Centergross
rotonda Segnatello, 4 – FUNO DI ARGELATO (BO)
PROGRAMMA
9,00 – 9,30 Registrazione dei partecipanti
9,30 – 13,30 Saluti delle istituzioni locali e regionali

Relazioni:
·       Comunicare le imprese della moda. L’impatto sul territorio delle attività manifatturiere e commerciali nel fashion. Il caso Centergross
Lucia Gazzotti (presidente Centergross)

·       Il giornalismo e la corretta informazione in ambito moda e turismo. Deontologia professionale e specializzazione come elementi imprescindibili per analizzare il settore
Roberto Zalambani (consigliere nazionale dell’Ordine e componente del Cts Formazione, segretario nazionale Unaga – Fnsi)

·       Moda e turismo: due mondi che convivono ed interagiscono tra loro
Luisa Espanet (giornalista professionista)

·       Come costruire e realizzare un reportage scritto. Esperienze sul campo di un giornalista
Pietro Tarallo (giornalista, presidente Neos)

·       Come si realizza un servizio televisivo sulle attività manifatturiere come espressione di un territorio
Lisa Bellocchi (giornalista, membro direttivo Enaj)

·       Come si comunica un distretto della moda: il caso San Mauro Pascoli. Esperienze di ufficio stampa per il territorio e le imprese. Il possibile impatto sul turismo dello shopping
Filippo Fabbri (giornalista de 
Il Corriere Romagna)

OBIETTIVI E COMPETENZE DA ACQUISIRE
·       verrà illustrato lo stato dell’attività giornalistica nel sistema moda turismo per una corretta informazione secondo la deontologia professionale. Il seminario di formazione ha l’obiettivo di far emergere in modo chiaro e netto che turismo e moda, distanti solo in apparenza, esprimono un legame che è iniziato subito dopo la fine del secondo conflitto mondiale dimostrando la loro importanza come volano di sviluppo del Paese
POSTI DISPONIBILI: 50
EVENTO GRATUITO





lunedì 22 maggio 2017

Assemblea del GUS ER il 29 maggio a Bologna




                                                                                                                                                            GUS EMILIA ROMAGNA:
ASSEMBLEA DEGLI ISCRITTI
E DEI SIMPATIZZANTI
Lunedì  29 maggio 2017
dalle ore 10,30 alle 13,30
presso l’Ordine dei Giornalisti dell’Emilia Romagna
Sala Cesarini
Strada Maggiore, 6  Bologna

Aprirà l’assemblea  il presidente del GUS ER Stefano Gruppuso che relazionerà sulle azioni fatte, sui problemi del settore e sulla programmazione delle attività nei prossimi mesi.

Seguirà un intervento di Paolo Rambaldi, responsabile ufficio stampa  Agenzia informazione e comunicazione della Giunta regionale  dell’Emilia Romagna, il quale illustrerà l’evoluzione del lavoro dei giornalisti addetti stampa nella Regione, la più grande istituzione pubblica presente sul territorio.

Al dibattito, aperto a tutti, parteciperanno  Gino Falleri, presidente GUS nazionale e Serena Bersani, presidente ASER.

Giovanni Rossi presidente onorario GUS nazionale modererà l’assemblea.
Porterà il saluto dell’Ordine dei Giornalisti dell’ER  il presidente Antonio Farnè.


Stefano Gruppuso
Presidente GUS ER

Partecipate e fate partecipare!